Dubbi sui pannolini lavabili (FAQ)

OneSize SetSì, ma poi li devo lavare

Ovvio, però rispetto alle nostre mamme o nonne abbiamo la lavatrice e il compito non è così gravoso. Una volta che si è preso il ritmo diventa una faccenda come tante altre a cui siamo più abituati, come svuotare la lavastoviglie, preparare il brodino per la pappa del bimbo, fare la spesa…

Ma con la cacca liquida dei neonati come si fa? Non voglio passare il tempo a grattare pannolini sporchi

Il velo che si mette sul pannolino raccoglie una parte delle feci liquide e si può buttare nel water. Poi, intanto che il bambino è sul fasciatoio a far respirare un po’ la pelle all’aria, si sciacqua velocemente il pannolino sotto l’acqua e lo si mette nel bidone in attesa del lavaggio. Volendo si può usare un po’ di sapone di Marsiglia (con l’accortezza di sciacquarlo bene), ma io non lo uso per fare prima e i pannolini vengono puliti lo stesso. Se proprio l’idea di maneggiare un pannolino sporco vi disturba potete sempre utilizzare dei guanti, ma questa è una questione personale (sarà che mi sono abituata, ma a me disturba di più l’idea di dover raccogliere per strada gli escrementi dei cani, e ammiro chi lo fa…), e comunque il sederino del bimbo è da pulire qualsiasi pannolino utilizziate… Se lo allattate vi potrebbe anche capitare un neonato che si scarica regolarmente ogni 3-4 giorni, come il mio terzo figlio. Se siete titubanti potreste prendere in considerazione l’idea di cominciare ad utilizzare i lavabili con lo svezzamento, quando le feci diventano solide e potete gettare il velo protettivo con tutto il suo contenuto nel water: il pannolino rimane in genere bagnato di pipì, ma abbastanza pulito. Il modo più comodo per utilizzare i lavabili è comunque quello di far fare la cacca al bambino fuori dal pannolino, ma per questo rimando alla sezione sull’educazione precoce al vasino.

Non credo che tengano come gli altri.

E invece sì, e questa sarà una piacevole scoperta! Naturalmente può capitare occasionalmente qualche fuoriuscita, o perché non lo avete messo bene, o perché l’avete tenuto troppo a lungo, oppure il bambino si è scaricato e voi non ve ne siete accorti, ma questi inconvenienti capitano anche con gli usa e getta. Se il bambino fa solo pipì potete cambiarlo ogni 3-4 ore, in genere si segue il ritmo dei pasti; per la notte o quando il bambino cresce si può regolare l’assorbenza aggiungendo un inserto in cotone (nei pannolini a taglia unica è già compreso nella confezione).

Ci vuole più tempo per cambiarli.

Considerando di mettere due cose, cioè il pannolino in cotone e la mutanda impermeabile, ci vuole il doppio del tempo rispetto ad un usa e getta, ma il vostro bimbo di pochi mesi vi ringrazierà di poter stare un minuto in più sul fasciatoio, il suo luogo preferito dopo le braccia della mamma. Quando si cambia un neonato è più il tempo che ci vuole per vestirlo (aprire e richiudere tutti i bottoncini della tutina, aprire il body, mettere le braccia nella magliettina, togliere e mettere le calzine, ricambiarlo perché intanto che era “aperto” ha fatto la pipì sui vestiti puliti appena messi…) che quello dedicato al pannolino!

Ho la casa piccola e non voglio avere pannolini stesi ovunque.

Chi scrive non ha balconi per stendere e in casa nei mesi di ottobre o marzo, quando i caloriferi non sono in piena attività, ci mettono un po’ di più ad asciugare, ma in caso di “emergenza” o di periodi particolarmente umidi nulla vieta di usare un pannolino usa e getta se si hanno esaurito le scorte. Facciamo un conto: se si hanno 24 pannolini puliti e se ne usano 6 al giorno per i primi tre giorni, al mattino del quarto giorno si fa una lavatrice con 18 pannolini e il resto del bucato: ne rimangono così 6 da utilizzare intanto che si asciugano gli altri. Poiché non serve averli tutti asciutti contemporaneamente, per asciugarne velocemente due o tre basta metterli sul calorifero. In compenso esposti al sole estivo in due o tre ore sono pronti. Veli raccoglifeci: per non occupare spazio sullo stenditoio io li appoggio in orizzontale sul resto della biancheria, tanto sono leggeri e si asciugano in un attimo.

Si possono mettere i pannolini lavabili nell’asciugatrice?

Se sono in cotone o in cotone “soft” sì, mentre non vanno messe le mutandine impermeabili e i pocket (si rovina il PUL impermeabile). Dal punto di vista ecologico sarebbe meglio limitarne l’utilizzo nei mesi umidi o in caso di vera necessità, stendere al sole è sempre la soluzione migliore, anche per mandare via eventuali aloni di macchie. I pannolini escono dall’asciugatrice molto soffici, ma si rovinano un pochino di più perché si consumano un po’ di fibre di tessuto, quelle che poi si ritrovano nel filtro.

Sono troppo ingombranti, daranno fastidio al bambino.

L’ingombro del pannolino lavabile è effettivamente maggiore dell’usa e getta, ma questo non è un problema: i neonati hanno ben pochi movimenti da fare e oltretutto tenere le gambe un po’ più divaricate è benefico per le loro anche. Anche con i pannolini lavabili i bambini imparano a gattonare e a camminare. Personalmente non ho mai acquistato vestiti più grandi da usare con i lavabili, la linea di abbigliamento Iobio però tiene conto dell’ingombro dei pannolini e i body hanno due possibilità di regolazione della taglia al cavallo per adattarsi alla crescita del bambino, Ho fatto un esperimento per confrontare l’ingombro dei pannolini lavabili e usa e getta, lo trovi descritto qui.

Con i lavabili si irrita di più la pelle dei bambini, sempre a contatto col bagnato.

I veli raccoglifeci in cellulosa da mettere fra il pannolino e la pelle hanno anche una funzione drenante che fa passare la pipì ma mantiene il sederino più asciutto. Il cotone dei pannolini lavabili è molto assorbente, non bisogna pensare che il sederino sia “a mollo” tutto il tempo come se fosse nell’acqua; al momento del cambio (ogni 3-4 ore di giorno, o al risveglio al mattino) la pelle è appena appena umida ma in genere non arrossata. Ciò che irrita di più sono le feci quando restano a lungo a contatto con la pelle, ma questo vale anche con gli usa e getta. Inoltre i bambini con la pelle particolarmente sensibile possono avere arrossamenti e dermatiti a causa delle sostanze di sintesi utilizzate per i pannolini usa e getta, in questo caso l’utilizzo dei pannolini in cotone può rappresentare una soluzione. Per la notte, se il bambino fa molta pipì si possono usare a contatto con la pelle i teli lavabili Stay-dry, che sono in un materiale sintetico studiato per drenare la pipì e lasciare la pelle più asciutta; due di questi teli (che non sono assorbenti) sono già compresi nei Set da 10 pannolini Popolini.

Mi sembrano poco pratici quando si è fuori casa.

Anch’io all’inizio la pensavo così, ma basta organizzarsi: bisogna solo ricordarsi di prendere con sé, oltre che i pannolini puliti, un sacchetto di plastica per mettere dentro quello bagnato da riportare a casa, oppure utilizzare la Nappy Bag, una borsa portapannolini in tessuto lavabile, impermeabile e traspirante fatta apposta per questo scopo, utile anche da portare all’asilo nido.

Uso anche gli usa e getta e non ho spazio per due bidoni separati.

In questo caso si possono mettere i pannolini lavabili nella Nappy bag o in una rete da bucato da appendere in bagno in attesa del lavaggio, oppure direttamente in lavatrice. Se i pannolini usati sono sciacquati non hanno un odore sgradevole, da questo punto di vista gli usa e getta sporchi sono assolutamente molto più maleodoranti!

Ormai ho cominciato con gli usa e getta, non vale più la pena.

Non è (quasi) mai troppo tardi per “convertirsi” ai pannolini lavabili. Dai 7-8 mesi in genere si fanno cinque cambi al giorno, quindi se ne possono acquistare un po’ meno, 15 o 16, oppure averne 20-24 e fare lavatrici più distanziate. Dagli 8-9 kg di peso del bambino ci si può orientare verso la taglia L del pannolino TwoSize o dei Prefold. Per un bambino di 18-20 mesi possono essere utili le Trainer: sono mutande con uno strato assorbente in cotone all’interno e impermeabili all’esterno che aiutano nella fase dell’abbandono del pannolino (leggi il post a proposito di Trainer e mutandine rinforzate).

E’ vero che non inquinano e non si producono rifiuti, ma si spende energia e acqua per lavarli.

A questo proposito segnalo l’articolo scritto sul sito dell’Associazione Nonsolociripà: “quanto si risparmia?”

Ci sono soluzioni utili per un bimbo di 4-5 anni che usa ancora il pannolino di notte?

A volte capita che i bimbi grandicelli facciano ancora la pipì durante la notte quasi senza accorgersene, pur essendo totalmente autonomi di giorno. Posso suggerire di utilizzare un pannolino lavabile Prefold in cotone taglia L (molto assorbente) inserito in una mutandina impermeabile taglia XL se il bambino pesa più di 15kg. Anche le mutande-pannolino Trainer hanno la taglia XL (15-18kg): possono essere utili quando il bambino si accorge di stare facendo la pipì e chiama in tempo per farne ancora nel wc. Le Trainer assorbono la pipì senza che si bagni il letto e si tolgono velocemente: essendo poi simili ad una mutanda con l’elastico in vita (ci sono anche colorate) possono essere più facilmente accettate da un bambino particolarmente sensibile riguardo a questa sua difficoltà.

I miei pannolini non assorbono più come prima e puzzano di pipì anche asciutti.
Probabilmente è un problema di lavaggio: il pannolino potrebbe contenere dei residui di detersivo. Prova a fare uno “strippaggio”: lava i pannolini da soli una volta a 60° con poco detersivo ecologico, e successivamente a 40° senza detersivo. Se vedi ancora schiuma nel cestello della lavatrice procedi con un risciacquo extra. Per smorzare l’odore di pipì dei pannolini stoccati in attesa del lavaggio spargi un po’ di bicarbonato sul fondo del bidoncino (leggi anche Cura dei pannolini lavabili).

I pannolini si sono induriti.
Se sono pannolini 100% cotone è possibile che dopo diversi mesi di utilizzo perdano un po’ della morbidezza iniziale, soprattutto in piena estate o se stesi vicino al calorifero. Un consiglio è quello di sfregarli un pochino su loro stessi quando li togli dallo stendibiancheria. Ogni tanto puoi rigenerarli stirandoli (è comodo soprattutto con i prefold rettangolari). Portali in una lavanderia a gettoni per far fare ai pannolini un passaggio in asciugatrice, o chiedi un piacere ai nonni se ce l’hanno… Ricordati di non usare ammorbidente o aceto, ma – se serve – aggiungi acido citrico diluito al 10-15% nella vaschetta dell’ammorbidente.

Altre domande? Lasciate un commento qui sotto, proverò a rispondere!

Iscriviti al nuovo Gruppo Facebook “Pannolini Lavabili Popolini” per scambiare opinioni e consigli con altre mamme e papà che usano o vorrebbero usare i Popolini!

Visita il negozio online di Pannolinofelice o iscriviti alla Newsletter.

3 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Enrica
    Ott 06, 2016 @ 03:06:34

    Con i fitted popolini vanno bene solo le cover popolini o vanno bene anche altre marche?

    Rispondi

    • Lucia
      Ott 06, 2016 @ 08:27:50

      Ciao Enrica, dovrebbero andare bene anche le altre marche, ma non le conosco tutte… qualche variazione nella dimensione potrebbe sempre esserci… Controlla sempre l’indicazione di vestibilità in kg per ogni taglia.

      Rispondi

  2. Trackback: Come scegliere i pannolini lavabili | Pannolini lavabili, abbigliamento biologico, fasce per portare, a Cremona e online

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Pannolinofelice

Lucia Maria Monterosso
Pannolinofelice Showroom:
Viale Trento e Trieste 23/e - Cremona
P.I. 01550920191
Web Editor: Lucia Monterosso

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: