Pannolini lavabili in vacanza: attenzione al lavaggio

pannolini lavabili in vacanza lavaggio

Se hai deciso di portare i pannolini lavabili in vacanza con te dovresti fare attenzione al cambio di durezza dell’acqua. Spesso infatti si passa da una condizione di acqua dura o media in città ad un’acqua più dolce (cioè più povera di calcare) in montagna. E’ facile accorgersi del cambiamento: basta lavarsi le mani con il sapone e notare che ci vuole più tempo del solito per sciacquarselo via. Ecco il racconto di una mia cliente che ha scoperto che la temporanea dermatite di suo figlio era dovuta proprio al cambio dell’acqua del lavaggio.

“Tutto bene con i pannolini lavabili?” le chiedo dopo un po’ che aveva acquistato dei pannolini Popolini in cotone. “Benissimo, a parte quando ho usato i pannolini lavabili in vacanza in montagna: a mio figlio è venuta una dermatite al sedere, ma ho capito il problema e l’ho risolto. Li lavavo allo stesso modo del solito, con la stessa quantità di detersivo, ma probabilmente l’acqua di montagna non è riuscita a sciacquarli bene: avrei dovuto mettere meno detersivo oppure fare un ulteriore risciacquo rispetto al programma di lavaggio che uso normalmente”. Quindi, care mamme e cari papà, fate attenzione alla durezza dell’acqua: se l’acqua è più dolce del solito usate meno detersivo della dose utilizzata abitualmente se pensate di usare i pannolini lavabili anche in vacanza.

Come ha risolto poi il problema questa mamma? “Quando ho capito che la dermatite di mio figlio era causata dai residui di detersivo rimasti nel pannolino non sciacquato bene, li ho lavati una volta a 90 gradi senza aggiungere detersivo e poi ho fatto qualche risciacquo aggiuntivo. Dopo questo lavaggio ho riutilizzato i pannolini lavabili e la pelle di mio figlio non ha più avuto problemi”. E’ bene comunque ricordare che per lavare i pannolini lavabili è necessario usare poco detersivo, in genere almeno la metà della dose consigliata sulla confezione – sempre in base alla durezza dell’acqua – per evitare che rimangano nelle fibre di cotone residui irritanti per la pelle. In un’altra pagina trovi anche altre indicazioni su come lavare i pannolini lavabili.

Pannolini lavabili in vacanza si può: basta organizzarsi

Sei in un appartamento con lavatrice? Fai in modo di lavare e far asciugare tutti i pannolini lavabili il giorno prima della partenza: in quel giorno farai indossare a tuo figlio dei pannolini usa&getta se non vuoi portarti in giro i pannolini usati.

Sei in appartamento ma la lavatrice è a pagamento in uno spazio comune o li porti in una lavanderia a gettoni? Se durante la vacanza pensi di lavare solo i pannolini lavabili o poco altro puoi trovare il modo di ottimizzare la spesa del lavaggio facendo meno lavatrici possibili. In genere si consiglia di lavare i pannolini al massimo ogni tre giorni, però se sei in questa situazione puoi sciacquare i pannolini usati con un po’ di detersivo o sapone nel lavandino del bagno, in modo da togliere il grosso dello sporco e dell’odore (se sono solo poco bagnati di pipì magari puoi anche non fare questo “prelavaggio”). Poi li metti in una wet bag (borsa portapannolini) in attesa del lavaggio vero e proprio in lavatrice: se è troppo piccola puoi integrare con una rete da bucato da appendere in bagno o da lasciare su un balcone. Naturalmente per utilizzare questa soluzione devi avere sufficienti pannolini da coprire 4-5 giorni  e avere l’accortezza di non lasciarli in una qualunque borsina di plastica sotto il sole, altrimenti rischi di trovarti della muffa. Nella wet bag o nella rete da bucato invece i pannolini traspirano e non dovresti avere questo problema (io ho adottato questa soluzione senza effetti collaterali negativi…).

Non hai a disposizione una lavatrice? Se ne hai voglia puoi lavare le parti in cotone a mano facendo bollire l’acqua in un pentolone: in questo caso il problema può essere il risciacquo e l’asciugatura. Assicurati di usare poco detersivo o sapone di Marsiglia e risciacquali più volte. Inoltre non avendo la centrifuga tieni conto che i pannolini lavabili impiegheranno più tempo ad asciugarsi. Per le mutande impermeabili invece non ci sono problemi: basta un lavaggio con un po’ di sapone e poi si asciugheranno alla svelta.

Sei in albergo, in crociera, in un viaggio itinerante o semplicemente vuoi riposarti per bene? Utilizza i pannolini usa&getta senza sensi di colpa, stai già facendo molto per l’ambiente tutto il resto dell’anno! Piuttosto cerca dei pannolini monouso biodegradabili o il più possibile naturali e delicati sulla pelle, come per esempio i Nappynat, da usare nel periodo di vacanza. Controlla come funziona la raccolta differenziata nel Comune in cui andrai: in alcuni posti puoi mettere i pannolini biodegradabili nella raccolta dell’umido.

Buone vacanze!

Se vuoi rimanere informato sui pannolini lavabili e sulle altre iniziative di Pannolinofelice scrivi qui la tua email:

Foto iniziale di Eleonora Ranno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Pannolinofelice

Lucia Maria Monterosso
Pannolinofelice Showroom:
Viale Trento e Trieste 23/e - Cremona
P.I. 01550920191
Web Editor: Lucia Monterosso

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: